Archivio | febbraio, 2015

Locatelli (PRC – S.E.): accertare le responsabilità per firme false e Giunte fantasma. La sinistra costruisca l’alternativa al PD

25 Feb

regione_piemonte_palazzoEzio Locatelli, segretario provinciale di Rifondazione Comunista-Sinistra Europea di Torino:
Vogliamo scommettere? Queste due brutte storie sulle firme false e sulle “giunte fantasma” per il Pd di Torino e del Piemonte segnano l’inizio della fine di una egemonia indiscussa. Comunque vada. Due storie diverse, una peggio dell’altra, che dicono della protervia e del degrado di una certa politica. Si è arrivati allo scioglimento anticipato del precedente Consiglio regionale per le firme false raccolte dalla Lega. Oggi ad essere impugnate sono le firme false raccolte, secondo l’accusa, per iniziativa del Pd. In sostanza ci troveremmo di fronte a partiti diversi che hanno pensato di fare allo stesso modo, alla faccia di chi, come Rifondazione Comunista e Altro Piemonte a Sinistra, le firme le ha raccolte una ad una in assoluta osservanza delle procedure elettorali. A ciò si aggiunge lo scandalo in Circoscrizione 5 delle “giunte fantasma” convocate per accumulare gettoni di presenza. Indagata per truffa, tra gli altri, l’ex presidente della Circoscrizione nonché ex segretaria del Pd, ora deputata per lo stesso partito. La Magistratura faccia il suo corso. In caso di accertamento di responsabilità si imporrebbe senz’altro il ritorno alle urne. Ma intanto, in Comune e in Regione, più nessuna sinistra può permettersi di stare al carro di un Pd la cui azione appare sempre più in continuità con la peggiore linea di condotta del centrodestra. Rilanciamo il confronto a sinistra per costruire l’alternativa al Pd.
Torino 25 febbraio 2015

Annunci

Locatelli – Panero (PRC – S.E.) Sabato 21 febbraio a Torino col Movimento NOTAV

19 Feb

DSCF2740Ezio Locatelli e Fabio Panero, rispettivamente segretario provinciale di Torino e segretario regionale del Piemonte hanno rilasciato la seguente dichiarazione:

Il 21 febbraio a Torino Rifondazione Comunista-Sinistra Europea sarà in piazza con il movimento notav. Saranno presenti il segretario nazionale Paolo Ferrero, Fabio Panero ed Ezio Locatelli rispettivamente segretario regionale e provinciale Prc. “Saremo presenti – dicono Locatelli e Panero – per riaffermare la nostra opposizione alla realizzazione di un megaopera inutile, distruttiva. L’alta velocità Torino Lione è uno sperpero di risorse pubbliche a sostegno di interessi affaristici, uno sperpero tanto più spudorato  in presenza di una crisi economica che viene  usata per tagliare pensioni, salari, stato sociale. Una situazione semplicemente vergognosa e intollerabile: i soldi ci sono per gli speculatori, gli affaristi ma non per i servizi di cui hanno bisogno realmente i cittadini, in specie le fasce più deboli della popolazione. “Saremo presenti – dicono ancora Locatelli e Panero –  per manifestare contro la riduzione del conflitto della Val Susa a pura questione di ordine pubblico, da reprimere, da demonizzare. Una strategia della repressione – ultimo atto in ordine di tempo l’assurda condanna a 148 anni di prigione di 48 notav – perseguita a tambur battente dal Governo e dai poteri dominanti nel vano tentativo di zittire una protesta che dura da oltre 25 anni. Se lo scordino, questa protesta andrà avanti fino alla vittoria. Rifondazione Comunista, come sempre, sarà al fianco del movimento di lotta della Valsusa”.

Torino, 18 febbraio 2015

Locatelli (PRC-SE): Renzi a Torino non lo vogliamo. Meglio che torni a casa!

16 Feb

austeritàRifondazione Comunista-Sinistra Europea aderisce e partecipa alla giornata di mobilitazione del 18 febbraio, indetta contro il governo Renzi a Torino. Il ritrovo sarà alle 14,30 di fronte al Politecnico in concomitanza con la cerimonia di inaugurazione dell’Anno Accademico al quale presenzierà il Presidente del Consiglio. Per Ezio Locatelli, segretario provinciale di Rifondazione Comunista-Sinistra Europea “il governo Renzi  è parte organica di una politica di austerità, di smantellamento di fondamentali diritti sociali e del lavoro. Questa politica sta determinando un rapido peggioramento della situazione sociale del Paese. Giusto contestarlo, far crescere una opposizione e una alternativa”. “In Grecia – continua Locatelli –  dopo anni di proteste e mobilitazioni sociali contro una politica di impoverimento sociale, un’alternativa ha preso corpo con la vittoria elettorale di Syriza e la formazione del governo antiliberista di Alexis Tsipras. Un governo impegnato a ridare diritti e dignità al proprio popolo, l’esatto contrario della politica di spoliazione sociale e di privatizzazione dell’interesse pubblico portata avanti da Matteo Renzi. Con la vittoria di Syriza in Grecia si apre anche da noi un varco nel muro dell’austerità. Ciò che è stato possibile in Grecia è possibile anche in Italia. Renzi va smascherato e mandato quanto prima a casa. Per questo scenderemo in piazza con studenti, precari, lavoratori e tutti quelli che nella nostra città si battono per un cambiamento all’insegna del rispetto dei diritti e delle istanze di giustizia sociale”.

Torino, 16 febbraio 2015

Venerdì 13 febbraio con la Grecia per dire no alle politiche di austerità.

12 Feb

kalimera 2Basta con le politiche di austerità e i ricatti criminali della Trojka, dei governi liberisti, della finanza speculativa. Venerdì 13 febbraio, ore 18, tutti in Piazza Castello a Torino a fianco del governo greco di Alexis Tsipras e di tutti i popoli europei in lotta contro le politiche di austerità, di distruzione dei diritti del lavoro, di impoverimento sociale. Rifondazione Comunista, unitamente alle forze che aderiscono alla campagna ” è cambiata la Grecia, cambia l’Europa” invita tutte/i a partecipare al presidio manifestazione di concerto con le tante manifestazioni indette in Italia e in tutta Europa. Syriza, Tsipras con il sostegno del popolo greco, nell’interesse di tutti i popoli europei possono realizzare il cambiamento, battere i poteri forti, le politiche criminali della finanza speculativa a condizione di una mobilitazione ampia. Riprendiamo in mano il nostro destino. Mobilitiamoci, facciamo crescere la lotta contro le politiche di austerità, contro i ricatti della Bce e dei governi liberisti. Vogliamo cambiamento, lavoro, dignità, giustizia sociale!
Ezio Locatelli – segretario provinciale PRC Torino