Archivio | Potere al Popolo RSS feed for this section

Neopopulismi in sedicesimo

4 Nov

bandiere rifondazionedi Ezio Locatelli*

Ecco squadernata, in una recente intervista di Giorgio Cremaschi, la nuova versione hard di Potere al Popolo. Non più un soggetto plurale, come avrebbe dovuto essere stando al manifesto fondativo, ma “soggetto unico”, depositario in esclusiva di “un’alternativa vera”. Un soggetto deciso a tagliare i ponti con tutto ciò che sa di passato, indistintamente, anche con chi in tutti questi anni ha resistito, lottato, andando controcorrente. Un soggetto neopopulista in sedicesimo teso a oltrepassare le organizzazioni esistenti. Eh già, quando si tratta di discutere di prospettive politiche e di sinistra c’è chi, anche sul versante antagonista, sembra aver fatto propria la famosa metafora cristologica: “io vivo nell’epoca dopo Cristo, tutto ciò che è avvenuto prima di Cristo non mi riguarda e non mi interessa”. Metafora che dà una rappresentazione palingenetica del cambiamento senza riguardo alcuno per il movimento reale costituito, anche in forme contraddittorie, da domande, bisogni, spinte, interessi, volontà assai variegati a cui occorrerebbe dare voce politica unitaria. Molto semplicemente, per alcuni, il cambiamento “c’est moi”.

Peccato che questo approccio pretenzioso e totalizzante abbia sortito il risultato di far saltare la costruzione di una casa comune, di un movimento largo, per dirla con le parole del manifesto originario di Pap, condiviso da Rifondazione Comunista, di “un movimento di lavoratrici e lavoratori, di giovani, disoccupati e pensionati, di competenze messe al servizio della comunità, di persone impegnate in associazioni, comitati territoriali, esperienze civiche, di attivisti e militanti, che coinvolga partiti, reti e organizzazioni della sinistra sociale e politica, antiliberista e anticapitalista, socialista, ambientalista, femminista, laica, pacifista, libertaria, meridionalista che in questi anni sono stati all’opposizione e non si sono arresi”. L’esatto contrario di una reductio ad unum, della costruzione di un partitino autoreferenziale che, in quanto tale, diviene l’ennesimo elemento di disorientamento e dispersione dell’area antagonista e delle forze antiliberiste.

Come ho più volte sostenuto la ricostruzione più che mai necessaria di un campo di forze antiliberiste chiede di cambiare la maniera di fare politica in analogia, per certi aspetti, con la linea adottata dalla Prima Internazionale. Allora organizzazioni di natura e statuti differenti, partiti, sindacati, associazioni sociali, personalità varie seppero realizzare una convergenza nel rispetto del principio democratico della diversità. Cosa che si sarebbe dovuta fare anche adesso: la costruzione di un fronte largo di lotta e di resistenza in opposizione alle politiche di austerità e alla dittatura dei mercati finanziari, contro vecchie e nuove forme di fascismo, contro la guerra tra poveri. Principio negato in radice da pretese totalizzanti, da una idea di rottamazione di tutto ciò che non è a propria immagine e somiglianza, da una cultura settaria incapace di confrontarsi con ciò che si muove al di fuori dal proprio giro ristretto.

Ci aspettano mesi impegnativi di opposizione alle due destre che occupano in questo momento l’intera scena politica, da una parte la destra xenofoba e populista che è al governo, dall’altra la destra liberista falsamente progressista. A fronte di questa situazione, della necessità di costruire un contro movimento sociale e politico antiliberista, nessuno può pensare ridicolmente di essere il centro del mondo.

* segreteria nazionale Prc-Se

Annunci

Potere al Popolo: la nostra battaglia di unità contro le derive settarie

22 Set

DSCF5686di Ezio Locatelli*
Nessun tentennamento. A fronte del rischio di stravolgimento dello spirito unitario, plurale, partecipativo che ha connotato Potere al Popolo in questi mesi occorre più che mai portare avanti una battaglia culturale, politica di unità. Dentro e fuori a Potere al Popolo. Di unità e ricostruzione di un campo di forze antiliberiste, anticapitaliste, antagoniste in alternativa a centrodestra, centrosinistra, M5S. Forze che devono ritrovare la capacità di fare movimento, egemonia, di costruire senso comune. L’intento esclude qualsiasi visione totalizzante, derive autoreferenziali, centralizzazione marcata dell’organizzazione, pretese di detenere il segreto della “linea giusta”.

Allora, fuori dai denti, c’è qualcuno che vuole costruire l’ennesimo partitino a uso e consumo di questo o quel gruppo invece che dare corso a un’aggregazione unitaria come da progetto originario? Anziché suscitare polemiche strumentali, fondate sul nulla, gli esponenti di ex Opg ed Eurostop rispondano a questa domanda. Così come diano conto della loro indisponibilità ad addivenire a un’ipotesi unitaria di Statuto. Con i diktat non si va da nessuna parte! Spieghino perché mai si dovrebbe cassare il manifesto costitutivo di Potere al Popolo, condiviso da tutti, là dove si parla di “costruzione di un movimento … che coinvolga partiti, reti e organizzazioni della sinistra sociale e politica … che in questi anni sono stati all’opposizione e non si sono arresi” a favore di una formulazione che, di fatto, disconosce le forze e i movimenti di resistenza che hanno retto in questi anni. La rottamazione al posto della valorizzazione di storie ed esperienze diverse?

E ancora, gli esponenti di ex Opg ed Eurostop motivino l’abbandono di una modalità decisionale basata sul consenso a favore della logica maggioritaria. Diano conto dello svuotamento del ruolo delle assemblee territoriali e nazionali, del disconoscimento di qualsiasi rappresentanza democratica. Diano conto della proposta di eleggere i due portavoce nazionali, oltretutto senza limiti di mandato, per via plebiscitaria, tramite piattaforma digitale. Al confronto Ceausescu rischia di apparire un modello di democrazia. Battute a parte siamo in presenza di proposte sbagliate, subalterne alla politica dominante di questi anni il cui risultato, dietro la parvenza di un movimentismo liquido, è di attuare il massimo di centralizzazione, di personalizzazione, di decisionismo politico.

Questo è un momento in cui abbiamo bisogno gli uni degli altri. Proprio per questo si tratta di organizzare la convergenza nel rispetto del principio democratico della diversità. Principio da perseguire con senso di apertura in rapporto al ventaglio dei movimenti di resistenza e di lotta, a organizzazioni di natura e statuti differenti, partiti politici, sindacati, associazioni sociali, singoli. Qualcosa di molto simile all’utopia creatrice della Prima Internazionale, al tempo della fase nascente del movimento delle lavoratrici e dei lavoratori, cui diede un contributo fondamentale Karl Marx. Facciamo rivivere quest’utopia contro settarismi, divisioni.

Potere al Popolo, come da ispirazione originaria, sia la casa comune di tutte e tutti. Ci si tolga dalla testa dal mettere in discussione l’esistenza di Rifondazione Comunista così come di qualsiasi altre esperienze politiche, associative. Costruiamo la casa comune a partire dai movimenti di lotta e di opposizione, sul versante della ricostruzione di una sinistra di società. Per tutto ciò nessuno stia alla finestra. Aderiamo a Pap e prendiamo parola. Così recita un celebre aforisma di Bertolt Brecht: “chi combatte può perdere, chi non combatte ha già perso”. Un aforisma che sintetizza bene l’atteggiamento che dovrebbe tenere, in qualsiasi circostanza, una forza comunista, di cambiamento.

* segreteria nazionale-responsabile nazionale organizzazione Prc-Se

Rifondazione Comunista e Potere al Popolo. L’autonomia del partito, l’unità delle forze antiliberiste

5 Giu

di Ezio Locatelli

Bene ha fatto Maurizio Acerbo nel suo intervento all’assemblea nazionale di Napoli a dire in maniera molto ferma che l’impegno unitario in Potere al Popolo non può mettere in alcun modo in discussione l’esistenza di Rifondazione Comunista così come di altre realtà politiche, associative che hanno scelto di far parte di un percorso comune. E’ un problema di conservazione? Tutt’altro, è un problema di innovazione, l’idea che bisogna andare alla costruzione di un movimento ampio, aperto, plurale. Sia detto, nello spirito originario del manifesto di Potere al Popolo che parla della costruzione di “un movimento di lavoratrici e lavoratori, di giovani, disoccupati e pensionati, di competenze messe al servizio della comunità, di persone impegnate in associazioni, comitati territoriali, esperienze civiche, di attivisti e militanti, che coinvolga partiti, reti e organizzazioni della sinistra sociale e politica, antiliberista e anticapitalista, socialista, ambientalista, femminista, laica, pacifista, libertaria, meridionalista che in questi anni sono stati all’opposizione e non si sono arresi.” L’esatto contrario di una reductio ad unum, della costruzione di un partitino autoreferenziale diviso dall’ossessione di arrivare a strette organizzative. Come ha scritto Samir Amin qualche tempo fa contrastare la dispersione delle forze antiliberiste, ricostruire una politica di società e di alternativa chiede di “cambiare la maniera di fare politica” in analogia, per certi aspetti, con la linea di condotta adottata ai tempi dalla Prima Internazionale. Organizzazioni di natura e statuti differenti, partiti, sindacati, associazioni civili, personalità fautori di strategie assai diverse seppero allora realizzare una convergenza nel rispetto del principio democratico della diversità. E’ un po’ quello che dobbiamo cercare di fare adesso come Rifondazione Comunista avendo chiaro, una volta per tutte, che il movimento in costruzione di “Potere al Popolo”, per la sua eterogeneità, non può in alcun modo essere sostitutivo del ruolo e della funzione che deve continuare a svolgere più che mai il nostro Partito. I due piani di impegno, quello che un tempo avremmo definito il piano dell’autonomia e il piano dell’unità, vanno tenuti insieme.
Ci aspettano mesi impegnativi di opposizione alle due destre che occupano in questo momento l’intera scena politica, da una parte la destra xenofoba e populista che si è insedia al governo, dall’altra la destra liberista falsamente progressita. Dobbiamo cercare di fuoriuscire da questa gabbia costruendo l’unità di tutte le forze in lotta contro l’austerità e la dittatura dei mercati finanziari, contro vecchie e nuove forme di fascismo e guerra tra poveri. Dobbiamo farlo sapendo anche che nessuna pratica di cambiamento va avanti senza una ripresa di protagonismo e di lotte sociali. E’ in questo senso che Rifondazione Comunista lavora per riaprire una prospettiva di trasformazione.

Locatelli (Prc-Potere al Popolo): il movimento No Tav non è altra cosa dal movimento di giustizia sociale. Potere al Popolo per dare forza a questo movimento

26 Feb

IMG_20180225_214026Ezio Locatelli, segretario di Rifondazione Comunista ed esponente di Potere al Popolo dichiara:

L’appello diffuso a mezzo web di Alberto Perino al “voto utile” al M5S e a non votare Nicoletta Dosio – bontà sua Perino dice anche di Nicoletta: le “voglio bene”, “meriterebbe un monumento“ – è il migliore attestato che “Potere al Popolo” ha il vento in poppa. Lo si vede nella partecipazione che c’è in tutte le assemblee territoriali, lo si è visto anche ieri sera all’assemblea di Bussoleno. “Potere al Popolo” è la grande novità che sta raccogliendo il consenso tra i tanti delusi dalla politica politicante, delusi del nuovo corso perbenista del M5S, dei tanti che vogliono cambiare. Spiace vedere Perino far ricorso all’argomento trito e ritrito del voto utile che, sia detto, è lo stesso argomento usato da Renzi per promuovere i propri candidati e lasciare le cose come stanno.

Contrariamente a quanto scrivono i giornali il movimento No Tav non è per niente spaccato, semmai ci sono diverse valutazioni politiche riguardo l’espressione del voto. Il voto che può segnare una svolta può essere quello dato a forze che vanno a braccetto . – come sta facendo Luigi Di Maio alla stregua di tanti altri – con i poteri confindustriali, con gli investitori finanziari, con i poteri forti che sono esattamente gli stessi che spingono per la realizzazione delle grandi opere? Difficile che possa essere così. Il voto che può segnare un svolta è quello dato a una forza che oltre a battersi contro il Tav si batte per l’eguaglianza, la giustizia sociale, i diritti di cittadinanza, contro le nuove forme di razzismo e di fascismo, che si batte contro i padroni vecchi e nuovi, che non ha timore di schierarsi da una parte sola, dalla parte degli sfruttati e degli oppressi. Piaccia o non piaccia questa forza, cui afferiscono diverse forze politiche e sociali antiliberiste, è oggi “Potere al Popolo”.

Torino, 26 febbraio 2018

Torino antifascista – Ezio Locatelli (Prc-Potere al Popolo): no ai fascisti vecchi e nuovi

21 Feb

antifascismoDomani sera, prima dell’iniziativa al circolo Arci “La Poderosa”, Via Salerno 15/a con Francesca Fornario alle ore 21,30 a sostegno di “Potere al Popolo”, alle ore 19 saremo al presidio antifascista indetto nei pressi di Corso Vittorio Emanuele 104, per protestare contro la presenza in città di neofascisti a cui addirittura è stata data la possibilità di presentarsi alle elezioni. Si sono presentati dando corso ad una campagna elettorale all’insegna della guerra tra poveri, dell’odio razziale, dell’intimidazione e di atti di violenza. Il fatto grave è che tutto ciò avviene in barba a quanto stabilito dalla nostra Costituzione che vieta qualsiasi organizzazione o propaganda fascista. Un divieto inapplicato – troppe le connivenze e compiacenze politiche – cosicché a Torino e in tutta Italia i fascisti sono lasciati liberi di scorazzare e di provocare. Chiaro il motivo: i fascisti, com’è sempre stato, sono uno strumento di intimidazione che, specialmente nei periodi di crisi e di impoverimento sociale, tornano utili a padroni, governi e poteri dominanti. Alla campagna di odio razziale e di violenza fascista rispondiamo con la mobilitazione di tutte le forze antifasciste. Rispondiamo con la lotta contro le politiche liberiste, per diritti sociali e del lavoro. Ora e sempre Resistenza!

Torino, 21.02.2018

Disinformazione su Potere al Popolo oltre il limite consentito. Locatelli (Prc-Potere al Popolo): non riuscirete a cancellare la volontà di cambiamento

13 Feb

simboloEzio Locatelli, segretario provinciale di Rifondazione Comunista ed esponente di Potere al Popolo ha rilasciato questa dichiarazione:

“A Torino l’appello firmato da oltre cinquanta – ma tant@ altri stanno firmando in queste ore – tra funzionari e attivisti sindacali, delegati Rsu e Rsa, tutti di area Cgil, a sostegno della lista di “Potere al Popolo” non fa notizia. Una vera e propria vergogna che è la palese dimostrazione della faziosità e dell’oscurantismo praticato dalla maggior parte degli organi di informazione. Per molti di questi organi “Potere al Popolo” non esiste, pure essendo l’unica lista presente in tutta Italia dopo aver fatto il pieno nella raccolta firme, per la precisione dopo aver raccolto oltre 90 mila firme. In compenso l’informazione, su alcuni giornali, viene data prendendo ad esclusivo riferimento la presenza di quattro schieramenti o forze politiche. Tutto il resto non esiste o più precisamente non esiste “Potere al Popolo”, i candidati che ne fanno parte, le iniziative che vengono promosse, i lavoratori e le lavoratrici che lo sostengono. Vi pare informazione? No di certo. Questa è censura, il non voler rendere conto che la crisi e il discredito della politica politicante sta aprendo varchi di nuova partecipazione e di nuova volontà di cambiamento. Ci dispiace per lorsignori. Questi varchi non saranno certo rinchiusi dal clima di censura”.

Torino, 13 febbraio 2018

La protesta di “Potere al Popolo” questa notte davanti al Comune di Torino

2 Feb

DSCF5054E’ assai significativo il mutismo politico della generalità delle forze di centrodestra, centrosinistra e M5S riguardo alla cacciata dei poveri dal centro di Torino. Così come è significativa la metafora usata dal comandante dei vigili urbani per giustificare l’operato dei propri sottoposti e dell’amministrazione comunale: la nostra “non è un’operazione di polizia … facciamo solo gli spazzini”. Già gli spazzini. Dice Ezio

Locatelli esponente Prc – Potere al Popolo: “è da anni che diciamo che non si possono trattare fette di popolazione a rischio come dei rifiuti umani. Torino, in questi anni di deindustrializzazione e di disoccupazione, di precarizzazione del lavoro, è diventata la città più povera e diseguale di tutto il Centro Nord d’Italia. Se qualcuno pensa di affrontare questo dato di realtà con la ramazza non ha capito proprio nulla. Servono politiche per il lavoro, il sostegno al reddito, il diritto alla casa, i servizi sociali. Serve un’azione di contrasto alle disuguaglianze sociali. A Torino, come a livello nazionale, si fa esattamente il contrario”. Per questo questa notte “Potere al Popolo” ha protestato davanti al Palazzo di Città di Torino contro la cacciata dei senza tetto. Non si tratta di un caso a sé. Quanto accaduto in questi giorni fa il paio con l’assenza di risposte dell’amministrazione comunale e del governo nazionale ai problemi del lavoro, del reddito, del diritto alla casa, alla salute, del degrado delle periferie urbane.
Torino, 2 febbraio 2018