Tag Archives: SANITA’

Locatelli (PRC-SE): non lasciare impunita la morte per TSO di Andrea Soldi

12 Ago

Soldi AndreaEzio Locatelli, segretario provinciale Prc di Torino ha rilasciato la seguente dichiarazione:

Ogni giorno che passa emergono fatti e rilievi che attestano che la morte di Andrea Soldi, avvenuta a Torino a seguito di un discutibile e violento intervento Tso  (Trattamento sanitario obbligatorio), poteva essere evitata. La vicenda è resa ancora più grave tenuto conto di un intervento avvenuto in assenza di un’ordinanza preventiva. L’ordinanza chiesta dal sindaco e firmata dal giudice tutelare, è prevista  dalla legge in caso di privazione della libertà personale fatta in deroga all’articolo 32 della Costituzione, per ragioni strettamente sanitarie e di natura straordinaria. Nel caso specifico apprendiamo che non esiste nessuna ordinanza perché a Torino, dove mediamente si fa un intervento di Tso al giorno, si è presa l’abitudine di autorizzare i Tso «a posteriori». Prima avviene il ricovero coatto. Poi, quando la richiesta firmata da almeno due medici arriva sulla scrivania del sindaco, o di un suo delegato, viene convalidata e autorizzata.  Per utilizzare le parole di Luciano Sorrentino, docente di Storia della psichiatria dell’Università di Torino «Una prassi discutibile … praticamente un sequestro di persona preventivo non ordinato da nessuna autorità competente che solo in un secondo momento viene sanato dal sindaco e dal giudice”. Verità e giustizia deve essere resa ai familiari di Soldi in ordine all’indagine aperta dalla Magistratura per omicidio colposo a carico di uno psichiatra e di tre vigili. Oltre a ciò chiediamo di mettere fine a pratiche di intervento che si configurano come non rispettose della legge e lesive dei diritti e dell’incolumità delle persone, in specie di quelle più deboli.

Torino, 12 agosto 2015

Annunci

LA PRIVATIZZAZIONE DEL SISTEMA SANITARIO PUBBLICO È UNA TRUFFA.

17 Apr

DOMANI TUTTI IN MANIFESTAZIONE

WP_20130417_015Questa mattina, nell’ambito delle iniziative contro la privatizzazione e lo smantellamento del sistema sanitario pubblico in atto a livello regionale come Rifondazione Comunista di Torino abbiamo tenuto un presidio-conferenza stampa davanti all’Ospedale Molinette, presente tra gli altri la consigliera regionale Eleonora Artesio. Nell’occasione abbiamo annunciato la nostra partecipazione alle manifestazioni indette dalle organizzazioni sindacali confederali e di base previste per domani a Torino contro lo smantellamento della sanità pubblica attuato dalla Giunta Cota.

Ciò che viene agitato, il tema del contenimento del deficit sanitario, è uno specchietto per le allodole. Non che non ci sia un problema di razionalizzazione della spesa sanitaria ma qui l’obiettivo perseguito – imitando pedissequamente Regioni che hanno fallito clamorosamente come la Lombardia – è un altro: l’adozione di un modello organizzativo che ha come finalità lo spostamento d’ingenti risorse dal pubblico al privato, che ha come finalità l’insediamento con pienezza di poteri del mercato nella sanità.

Siamo in presenza di un meccanismo perverso che si è sempre risolto, là dove è entrato in funzione, non solo nei termini di un disimpegno, abbandono, dismissione di servizi e prestazioni sanitarie, ma in un’esplosione di spesa sanitaria. Il nostro impegno contro questo meccanismo di spoliazione della sanità pubblica e di dissipazione di risorse pubbliche sarà massimo. In ballo c’è la difesa del diritto universale alla salute dei cittadini. Domani ritroviamoci tutti alle 9,30, a Torino, al corteo che parte da porta Susa.

Ezio Locatelli, segretario provinciale Prc Torino

Torino, 17 aprile 2013

Contro la svendita della sanità voluta da Cota

17 Apr

saluteW520Conferenza stampa contro la privatizzazione della sanità

Mercoledì 17 aprile, alle 12.30, il Partito della Rifondazione Comunista di Torino con il segretario provinciale Ezio Locatelli e la consigliera regionale Eleonora Artesio organizza, un presidio/volantinaggio davanti alle Molinette contro la svendita e i tagli della sanità da parte della Giunta Cota.

Saranno inoltre presenti: Roberto Bertucci – commissione sanità PRC fed. Torino e il segretario regionale Armando Petrini.

In tale occasione la consigliera Eleonora Artesio fornirà un resoconto dei sopralluoghi effettuati nei giorni scorsi presso le Molinette e il Martini, per verificare lo stato del trasferimento delle attività del Valdese.

Rifondazione Comunista – federazione provinciale di Torino

Manifestazione contro la chiusura del Maria Adelaide e del Gradenigo

13 Apr

Rifondazione Comunista di Torino alla manifestazione per contestare la chiusura degli ospedali Maria Adelaide e Gradenigo.

Circa 200 persone hanno formato un corteo che dall’ospedale Maria Adelaide ha raggiunto l’ospedale Gradenigo e quindi il mercato di piazza Santa Giulia del quartiere Vanchiglia.

TAGLI ALLA SANITA’ PER FINANZIARE LA TAV

10 Ott

LOCATELLI (PRC): VERGOGNOSE E INSULTANTI  LE SCELTE DEL GOVERNO MONTI DI TAGLIARE LA SANITA’ PER FINANZIARE LA TAV

 

Ezio Locatelli, segretario provinciale Rifondazione Comunista di Torino, ha rilasciato la seguente dichiarazione:

 

“La decisione del Consiglio dei Ministri di ieri sera di tagliare 1,5 miliardi alla sanità e di congelare i rinnovi contrattuali del pubblico impiego e, allo stesso tempo, di destinare 790 milioni alla Tav Torino-Lione è semplicemente un insulto, una cosa vergognosa. Si spostano risorse dal welfare e dalla salute verso opere che foraggiano gli interessi di un blocco affaristico finanziario che ha nel governo Monti la sua più fedele rappresentazione. Queste scelte dimostrano in modo lampante che le politiche del governo e dei partiti che lo sostengono non vanno verso la riduzione del debito (come vanno dicendo da mesi) ma di un progressivo annullamento dello stato sociale e di un trasferimento  a favore di interessi speculativi, affaristici, finanziari nonché di opere inutili e dannose. Non solo la Val di Susa ma tutte le forze di opposizione e di alternativa sono chiamate a reagire con forza a politiche così sfrontatamente antisociali e classiste”.

Torino, 10.102012