Tag Archives: Torino_Lione

TAV – PRC: «ANALISI COSTI-BENEFICI CONFERMA QUANTO SOSTIENE DA ANNI MOVIMENTO NO TAV. BASTA TIRA E MOLLA: NO ALLA TAV, OPERA INUTILE E DANNOSA»

12 Feb

No-TavMaurizio Acerbo e Ezio Locatelli della segreteria nazionale di Rifondazione Comunista – Sinistra Europea dichiarano:
«Adesso basta blaterare. L’analisi costi-benefici che è stata finalmente resa nota riguardo la realizzazione della linea di alta velocità Torino-Lione dà un responso inequivocabile: un saldo negativo di quasi 8 miliardi di euro. Soldi buttati dalla finestra. E non è tutto. Al di là dello spreco di denaro pubblico, la realizzazione della maxi opera, in particolare l’escavazione di una galleria di 57 km, comporterebbe un immane spreco di energia e un aumento dell’inquinamento ambientale tale da azzerare qualsiasi supposto vantaggio ambientale. Questioni risapute dal movimento No Tav e dalle comunità locali che si sono battute in tutti questi anni contro un’opera affaristica, di nessuna utilità pubblica, distruttiva di ambiente. Come più volte è stato detto, si possono raggiungere risultati di rilievo, con minor dispendio di risorse e in tempi più brevi, investendo sulla modernizzazione e velocizzazione della tratta ferroviaria esistente. Adesso è ora di dire basta. Le scelte che riguardano il Tav in Val Susa non possono essere oggetto di meschini giochi di potere e tira e molla tra forze politiche che condividono responsabilità di governo. Queste scelte devono essere informate dall’idea di un diverso modello di mobilità e di sviluppo. Per realizzare questo modello occorre sconfiggere un blocco di potere affaristico. Avanti con la lotta NoTav».
12 febbraio 2019

Annunci

VALSUSA – LOCATELLI (PRC): UN ATTO DISPOTICO IL TAV TRASFORMATO IN LEGGE. DISOBBEDIAMO!

9 Apr

siamotuttinotavLa decisione di trasformare l’accordo Italia-Francia sulla linea ferroviaria ad alta velocità Torino-Lione in legge è una provocazione bella e buona, un atto dispotico. Diventa legge un’opera scandalosamente inutile, insostenibile che fa solo gli interessi di un blocco politico-affaristico sordo ad ogni osservazione critica o manifestazione di dissenso. Con un capovolgimento di ragioni e di senso della giustizia chi punta a distruggere un intero territorio detta legge, chi dissente e difende l’integrità di un territorio viene messo fuorilegge. Una decisione che indurrà sempre più il governo a rispondere al conflitto in maniera aggressiva, con  un inasprimento della repressione. Detto ciò una decisione  miope. A leggi ingiuste che calpestano brutalmente i diritti e gli interessi di una comunità e di un territorio si deve continuare a rispondere con la disobbedienza civile e la lotta.

Torino, 9 aprile 2014

CORTE DEI CONTI FRANCESCE BOCCIA L’AV TORINO – LIONE

6 Nov

EZIO LOCATELLI (PRC): LA CORTE DEI CONTI FRANCESE BOCCIA L’AV TORINO-LIONE. MANDARE A CASA LA LOBBY SI TAV

“Ancora una volta sono smentite clamorosamente le molte menzogne e mistificazioni sull’ineluttabilità e indispensabilità del Tav Torino-Lione. Proprio in queste ore la Corte dei Conti francese ha reso note le valutazioni severamente critiche del progetto della nuova linea di alta velocità contenute in un suo rapporto datato 1 agosto. In questo rapporto si parla di “costi in forte aumento”, di previsioni di traffico “riviste al ribasso”, di “debole reddittività socioeconomica”, di finanziamento “non definito” e sin base a queste considerazioni, tanto più in tempi di pesanti difficoltà di bilancio, l’invito è a non abbandonare “troppo rapidamente l’alternativa che consiste nel migliorare la linea esistente” Ancora una volta la riprova, da parte di una fonte autorevolissima, è di una mancanza di presupposti fondamentali alla realizzazione dell’opera. Il fatto è che non c’è peggior sordo di chi non vuol sentire. Mi riferisco all’appello trasversale di quei parlamentari (tra cui parlamentari del Pd e Pdl) che chiedono a qualsiasi costo di “avviare il cantiere dal 2013”. Parlamentari facenti parte di una classe politica e di governo sorda a qualsiasi ragione che metta in dubbio la fattibilità di un’opera devastante oltre che inutile e costosissima. Più che classe politica e di governo forse è meglio dire di una lobby schierata dalla parte di un blocco affaristico, una lobby che va mandata a casa prima che faccia troppi danni”.

Torino, 6.11.2012

Ezio Locatelli

segretario provinciale Prc Torino